Omega, ecco il Seamaster Diver 300M Cronografo… tra oro, titanio e tantalio

OMEGA, con una nota inviata nelle scorse ore, ha presentato il Seamaster Diver 300M Cronografo, con una miscela affascinante di oro, titanio e tantalio. Quando il tantalio ha fatto il suo esordio con OMEGA nel 1993, si è guadagnato un posto unico nella storica collezione Seamaster. Quest’anno il prezioso materiale sta facendo il suo ritorno con stile. Il tono di blu e grigio offre un sottile contrasto con il prezioso materiale usato negli ultimi orologi da immersione di OMEGA.

L’OMEGA da 44mm è un Master Chronometer, in edizione numerata, prodotto in titanio grado2, oro Sedna™ 18K e tantalio che si può notare sulla base della lunetta e nelle maglie centrali del bracciale. La lunetta in oro Sedna™18K è caratterizzata da una scala d’immersione realizzata in ablazione al laser, mentre il quadrante in ceramica blu lucida [ZrO2] ha le onde incise al laser, il datario a ore 6 e i sotto-quadranti con dei tocchi in oro Sedna™18K. Sul bordo della cassa c’è una targhetta in oro Sedna™18K con il numero dell’edizione numerata dell’orologio.

Girando l’orologio fa la sua comparsa il cavalluccio marino di OMEGA, che è stato inciso al laser e laccato bianco su vetro zaffiro. Attraverso il vetro è subito visibile il calibro OMEGA Co-Axial Master Chronometer 9900 certificato dall’ Istituto Federale Svizzero di Metrologia (METAS).

Per gli amanti delle immersioni, il braccialetto include una fibbia con chiusura a pulsante brevettata OMEGA, che permette di regolarne la lunghezza con facilità. Questo orologio è impermeabile fino a 30 bar (300 m / 1000 ft) ed è corredato da una speciale confezione che ricorda una camera d’immersione.

Uno sguardo da vicino ai materiali

Titanio grado 2

Scoperto nel 1794 il titanio è stato industrializzato nel 1939. Sebbene ragionevolmente comune, rimane un materiale costoso per la difficoltà nel suo processo di dissociazione da altri materiali terrestri. Le leghe di titanio sono leggere, straordinariamente resistenti alla corrosione, biochimicamente inerti e in grado di resistere ad altissime temperature. Il titanio grado 2 è infatti trattabile termicamente: in altre parole, acquisisce ulteriore resistenza tramite un processo di trattamento termico, che lo rende perfetto per le parti in movimento in ambienti difficili. OMEGA ha utilizzato il titanio grado 2 in diversi orologi nella sua storia, come nello Speedmaster X33 e poi ovviamente nella prima edizione del Seamaster Diver 300.

Tantalio

Il tantalio è un brillante metallo blu-grigio che è più raro dell’oro, più duro dell’acciaio, e resistente alle corrosioni. La sua inerzia è una valida alternativa al platino. Scuro, denso, flessibile e altamente conduttivo di calore ed elettricità, è particolarmente difficile da lavorare, ancora più raro da trovare nell’industria orologiera. Il suo nome viene dall’antica storia della mitologia greca, nella quale Tantalo era costretto a stare in ginocchio nell’acqua alta come punizione, non potendo bere o raggiungere i frutti sopra di lui. Questo rispecchia gli attributi del metallo, che non assorbe l’acido se immerso. Questa resistenza conferisce al metallo un’ulteriore robustezza e attrazione.

Oro Sedna™18K

Nel continuo sforzo di migliorare la qualità dei suoi prodotti, OMEGA voleva trovare una nuova lega d’oro rosa / rossa 18 carati che fosse più resistente allo scolorimento rispetto all’oro rosso 18 carati standard utilizzato nell’orologeria. Nel 2013, il marchio ha raggiunto il suo obiettivo. Il materiale denominato oro Sedna™ 18K ha ottenuto un bel colore rosso e ha dimostrato di avere un’incredibile resistenza allo scolorimento. L’oro rosa di OMEGA è una lega composta da oro (almeno il 75%), rame per il colore e palladio per la stabilità. Il risultato è un tono rossastro unico, caldo e particolarmente duraturo. L’oro 18K unico prende il nome da Sedna, un pianeta nano in orbita descritto come uno dei più rossi del sistema solare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Tags:

Ci farebbe piacere conoscere la tua opinione su questo articolo

LASCIA UN COMMENTO